Ven. Giu 14th, 2024

CaldoroRocca

Alla fine la lunga attesa è stata premiata, e il Governatore della Campania, Stefano Caldoro, non è mancato all’appuntamento con Roccadaspide e con la Valle del Calore. L’incontro è stato organizzato dall’amministrazione retta da Girolamo Auricchio per discutere delle misure di accelerazione della spesa e degli scenari che ora si aprono per i comuni sotto i 50mila abitanti che avranno la possibilità di realizzare progetti per quel che attiene, tra l’altro, il ripascimento, la banda larga, la depurazione. Ma si è discusso anche di sanità, dell’ospedale, del disastro della viabilità. Per Auricchio è stata l’occasione per sottolineare lì importanza del 6,7 milioni che pioveranno dalle misure della delibera 148/2013 e che a Roccadaspide serviranno per migliorare il servizio idrico. Il primo cittadino ha parlato di sanità e dell’ospedale: polemico contro chi “si oppone” ai finanziamenti ai piccoli comuni, al potenziamento dell’ospedale, alla realizzazione di una infrastruttura fondamentale come la Fondovalle Calore. Auricchio ha rivolto a Caldoro l’invito a far rientrare il comprensorio Alburni Calore nella programmazione delle aree interne. Un riferimento anche all’ente parco, “più una serie di vincoli che una reale opportunità per il territorio”.

Tra gli interventi, anche quello del sindaco di Campagna, Roberto Monaco, che ha spiegato nel dettaglio la delibera 148/2013, raccontandone brevemente le caratteristiche, ed accennando anche ad un progetto presentato di recente a Bruxelles rivolto ai giovani della sua comunità.

Il sindaco di Vallo della Lucania, Antonio Aloia, ha rimarcato il disastro della viabilità nel Cilento, riferendosi alla sp 430, la Cilentana.

“Stiamo parlando di circa un miliardo di euro – ha detto subito Caldoro – quindi si tratta di una grande occasione, di una grande sfida per realizzare interventi importanti che riguardano dissesto idrogeologico, beni pubblici, energie alternative, aree urbane, ambiente, aree strategiche”. Il Presidente della Giunta regionale ha parlato anche di viabilità ed in particolare della strada provinciale 430, chiusa ormai da diverse settimane e destinata a rimanere chiusa per lavori per diversi mesi ancora. Secondo il Governatore di queste cose dovrebbe occuparsi lo Stato. “Dalla regione – ha rimarcato – d’intesa con la provincia di Salerno e tanti comuni interessati dalla problematica sono stati già stanziati oltre 30 milioni di euro”. Naturalmente l’incontro di Roccadaspide è stato l’occasione per parlare anche della metropolitana di Salerno. “Non voglio dare colpe a nessuno – ha detto – ma quando si firma un protocollo certe intese vanno rispettate e la Regione la sua parte l’ha fatta come il governo. Il richiamo che faccio – ha detto il Governatore – è quello di essere seri e di parlare con atti pubblici alla mano”. Inoltre il governatore ha parlato anche di sanità e della soppressione dell’ospedale di Agropoli. Infine una considerazione da parte del Presidente della Regione anche per quanto riguarda la crisi degli operai forestali che hanno partecipato numerosi all’incontro. “Ci siamo dovuti sostituire allo Stato – ha detto – reperendo fondi che non ci sono più che erano stati tolti dal bilancio 2009-2012 cercando di reperirli da quelli relativi alla programmazione europea. Ci auguriamo di poterli prorogare fino al 2020 per dare stabilità alla forestazione”.

Commenti

commenti

Di Annavelia Salerno

Giornalista professionista a Radio Alfa, direttore responsabile di Voci dal Cilento, ma prima di tutto mamma, moglie, figlia e sorella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi