Conferenza di fine anno del questore di Salerno, Giancarlo Conticchio. “Salerno città sicura”

“È aumentata la percezione della sicurezza e la sicurezza stessa. Noi abbiamo investito parecchio sul controllo sul territorio”. Lo ha detto il questore di Salerno, Giancarlo Conticchio che ha incontrato questa mattina la stampa salernitana per i consueti auguri di fine anno e per fare un bilancio delle attività dell’anno che si sta chiudendo. 

“Aumentare la prevenzione vuol dire evitare la commissione di reati – ha detto il Questore – A Salerno e provincia abbiamo registrato questo dato assolutamente positivo. Abbiamo incrementato lo strumento del daspo nei vari ambiti. Sia per i parcheggiatori abusivi, sia per la prostituzione che per la violenza negli stadi abbiamo avuto importanti risultati”. 

“Particolare attenzione anche per la tutela delle donne. Invito queste ultime a non fare alcun incontro chiarificatore, o di farlo a distanza via telefono o, al più, portando con sé qualche amico o familiare che può aiutarle all’occorrenza e fare da testimone. Non accettate l’ultimo appuntamento per il chiarimento. Sulle baby gang, invece, invito i genitori a ricoprire un ruolo centrale. È un fenomeno che riguarda l’intera provincia di Salerno. Alle famiglie, alle mamme, dico di tornare ad assumersi le responsabilità di quello che fanno i propri figli. Controlliamo i nostri figli”, ha detto ancora il questore. Sulla questione furti in appartamento ha aggiunto: “È un problema che si sta presentando in alcune aree della provincia. Ma stiamo mettendo in campo, con le altre forze di polizia, servizi di prevenzione”. “Salerno è una città sicura – ha concluso – Non abbiamo registrato un aumento di reati connessi alla criminalità predatoria. Il turista che viene a Salerno si sente sicuro”. 

Commenti

commenti