Mar. Lug 16th, 2024

Presso la Casa Circondariale Antonio Caputo di Salerno, è partito il progetto “Tai chi: la quiete nel movimento” grazie al coordinamento della Consigliera della Provincia di Salerno con delega alle Politiche Sociali e Pari Opportunità Filomena Rosamilia, con la disponibilità della direttrice Gabriella Niccoli. 

Il Progetto, proposto e organizzato dall’Associazione “SpazioMa” di Salerno presieduta da Olga Scuccimarra, ha lo scopo di proporre alle Donne detenute nelle Case Circondariali, il Tai Chi, una disciplina che si basa sul pensiero cinese e sulla medicina tradizionale cinese, conosciuta in tutto il mondo come “Meditazione in Movimento”, con la peculiarità di essere un’arte marziale, definita “interna”, in quanto privilegia all’aspetto muscolare quello “energetico”. 

La pratica costante del Tai Chi diventa quindi un aiuto per le detenute a sentire, ascoltare e osservare se stesse, nella propria interiorità e nel proprio corpo, arrivando a essere più centrate e gradualmente più consapevoli. Esercizio dopo esercizio, si acquisisce la capacità di intervenire sulle debolezze fisiche e mentali, sui blocchi, le rigidità, i dolori e le impotenze del corpo. Il ritmo lento eguale, l’estrema lentezza e il silenzio con il quale sono ripetuti i movimenti del Tai chi di rara precisione, elastici e leggeri, portano coloro che praticano nel tempo, alla meditazione, a nutrire e coltivare l’individuo nella sua integrità.  

Il progetto dunque rappresenta un miglioramento della qualità della vita delle Donne detenute promuovendo la crescita individuale, il benessere e la prevenzione della salute.

 

Commenti

commenti

Di Annavelia Salerno

Giornalista professionista a Radio Alfa, direttore responsabile di Voci dal Cilento, ma prima di tutto mamma, moglie, figlia e sorella

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi